Sclerosi multipla e genitorialità. Nuove sfide per una pianificazione responsabile e la gestione personalizzata della gravidanza

CORSO FAD

08/05/2019- 08/11/2019

Razionale:
Opinioni e approccio gestionale alle problematiche sulla relazione tra sclerosi multipla (SM) e gravidanza hanno subito negli ultimi anni un radicale cambiamento. Fino ad alcuni decenni fa alle donne con SM veniva infatti consigliato di non avere figli nell’errata convinzione che la gravidanza potesse peggiorare l’andamento della malattia. Attualmente una mole crescente di evidenze conferma che la gravidanza non peggiora, anzi in qualche caso migliora il decorso della malattia, in particolare nell’ultimo periodo prima del parto. D’altra parte la malattia colpisce in prevalenza donne giovani in età fertile e che sempre più spesso manifestano al curante il loro desiderio di maternità. Lo specialista si trova dunque di fronte a nuove e impegnative sfide che non può eludere e che può adeguatamente fronteggiare, sin dal momento della diagnosi, soltanto se aggiornato su questi delicati aspetti della malattia che hanno impatto notevole sulla qualità di vita delle coppie che con essa convivono. Nelle linee guida internazionali non mancano le raccomandazioni specifiche, peraltro talora non “coerenti”, a conferma di persistenti incertezze sul tema. Ad esempio, l’American Academy of Neurology (AAN)  suggerisce di consigliare alla donna di interrompere la DMT prima di un programmato concepimento, di interromperla se in atto a concepimento accertato e comunque di non iniziarla in corso di gravidanza, fatti salvi i casi in cui i rischi di attività della malattia superino i benefici della terapia; l’European Committee of Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS)/European Academy of Neurology (EAN) hanno invece un atteggiamento “cautamente” più aggressivo, soprattutto in presenza di attività di malattia, suggerendo di proseguire la terapia iniettiva (interferone, glatiramer acetato) e, in caso di elevata attività, di proporre natalizumab, informando dei rischi correlati. Infine, del tutto recentemente l’Association of British Neurologists ha pubblicato linee guida specificatamente dedicate a gravidanza e sclerosi multipla, affrontando in maniera organica i molteplici aspetti di gestione della coppia con SM.

Il corso FAD proposto è articolato in sei moduli nei quali i relatori, alla luce delle linee guida e della loro personale esperienza di real-life, propongono strategie operative per una gestione personalizzata della malattia prima, durante e dopo una gravidanza responsabilmente pianificata.

Locandina del corso

Modalità di iscrizione: Compilare il form sotto riportato e riceverete entro 48 ore (giorni lavorativi) gli accessi per seguire il corso FAD. Per qualsiasi richiesta o informazione: info@madimay.it o info@mapyformazione.it

Segreteria Organizzativa
MediMay Communication Srl,
Via Giovanni Antonelli, 47
00197 Roma
e-mail: info@medimay.it

Dati Fiscali (* =obbligatori)

7 thoughts on “Sclerosi multipla e genitorialità. Nuove sfide per una pianificazione responsabile e la gestione personalizzata della gravidanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi